Teatime: il primo dei buoni propositi del 2013

Piantagione di tè a Mauritius

Piantagione di tè a Mauritius

Come ogni inizio d’anno che si rispetti, è tempo di tener fede ai buoni propositi, di tentare di non tradire la volontà di interruzione degli eccessi enogastronomici e di ricordarsi degli abbonamenti in palestra o piscina che aspettano di essere riutilizzati. Nel caso in cui foste in forma splendida e splendente e foste stati così bravi da non sgarrare nemmeno una volta – e vi invidio non poco – non crediate di potervi ritenere esonerati dai suggerimenti di questo post! Il mio è un invito alla degustazione a costo calorico pari a zero.

Compiti per tutti – per dirla alla Brezny – concedersi una tazza di tè come sostituto di un dessert, una cioccolata o un succo di frutta zuccherato. Sempre? Ma no, almeno ogni tanto, dai! Fondamentale sarà la scelta del tipo di tè ed eventualmente degli aromi o fragranze che preferite. I tè aromatizzati alla frutta così come quelli speziati o il Chai, ad esempio, possono essere apprezzati senza l’aggiunta di zucchero, latte, miele o limone.

Il tè nasce dalla Camellia sinensis, un arbusto ramoso e sempreverde. Le sue origini sono avvolte nel mistero perchè il tè è una bevanda antica come l’uomo ed è diffuso in tutto il mondo.

Tè nero nasce da un metodo di produzione classico basato su un’ossidazione completa delle foglie che ne conferisce il colore scuro. E’ il più ricco di caffeina e il più stimolante per il sistema nervoso.
Tè verde
deriva dalla selezione di foglie più tenere della pianta le quali non subiscono ossidazione. Ricco di vitamina C, B e polifenoli che difendono dai radicali liberi responsabili dell’invecchiamento dei tessuti. Ha azione diuretica e saziante se bevuto a digiuno.
Tè bianco ottenuto dai primi germogli ancora chiusi, ha ancora più polifenoli rispetto al tè verde. Contiene un quantitativo ridotto di caffeina rispetto agli altri tè ed ha un sapore e un colore particolarmente delicati.
Oolong semifermentato con caratteristiche intermedie sia di gusto che di proprietà tra il tè verde e il tè nero.
Tè Pu’er
è una varietà di tè post-fermentato prodotto in Cina. Le foglie di tè subiscono un processo di fermentazione microbica dopo essere state essiccate e laminate. Spesso viene confuso con il Rooibos che proviene invece da una pianta leguminosa.

Quale fa per voi? Stilare una classificazione del tè richiederebbe una specificità ben più dettagliata. Ho scelto di proporvi una serie di informazioni generiche corredate da una sitografia di base così da permettervi un’esplorazione orientativa del mondo del tè e capire quale sia quello che più vi interessa e incuriosice. In ogni caso, ciò che vi suggerisco è di scegliere il tè osando, lasciandovi attrarre e conquistare dalle innumerevoli composizioni aromatiche di questo antico rituale.

Il momento del tè deve poter essere una pausa di piacere durante la quale assaporare un pezzetto di mondo lontano da scoprire ad ogni sorso.

Non c'è salute senza tè

Non c’è salute senza tè – Madagascar

Testo: Erica Maiorana
Fotografie: Silvia Mariani e Guido Bezzi
Sitografia:
http://www.aictea.it
http://www.signoredelte.it/
http://www.teatime.it/
http://www.tea.co.uk/
http://www.teausa.com/

Una risposta a “Teatime: il primo dei buoni propositi del 2013

  1. Pingback: Anno Nuovo, parola d’ordine: Dieta. | Salti in Bocca·

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...