Anno Nuovo, parola d’ordine: Dieta.

dieta

2 Gennaio 2013 – Dopo una rigenerante dormita, prolungata con l’illusorio intento di recuperare le ore perse durante i festeggiamenti Capodannieri, accendo il pc e come ogni Social Network addicted che si rispetti, il primo gesto è quello di loggarmi a Facebook. La carrellata di obiettivi per l’anno nuovo invade la Home Page, monotemizza status, post e link quasi quanto durante le Domeniche di Campionato. L’istinto è quello di chiudere tutto, ma l’abitudine allo “scroll” vince.

Come vincono, tra le condivisioni, le lacrime di coccodrillo versate su panettoni, cenoni, pranzi e avanzi. C’è chi ironizza sulla morbidezza acquisita, così simile a quella di una fetta di pandoro addentata con voracità, e chi corre ai ripari pronunciando, anzi digitando, la fatidica frase:

“Da oggi sono a dieta ferrea!”

Dalla sedia do un’occhiata ai fianchi, faccio un piccolo test di sofficità e inizio a pensare che sarebbe il caso di dare una regolata a quantità e qualità di cibo ingerite. Si dice che chi ben comincia è a metà dell’opera (Befanieri accaniti esclusi), quindi tra i buoni propositi per l’anno nuovo io inserirei quello di smettere di credere ai miracoli. Quelli delle diete flash e chimeriche, s’intende.

Lasciamo a Kate l’ormai caduto nel dimenticatoio Pierre Dukan, che dopo aver mietuto vittime ed alimentato controversie riguardo alla sua dieta iper-proteica in formato successo editoriale, è stato radiato dall’albo dei medici. Notizia vecchiotta, ma un ripassino non fa mai male quando si tratta di salute.

Se dico “Non sono a dieta, sono in … “ Cosa mi rispondete?

Un fragoroso Adieu anche a Gianluca Mech e la sua Tisanoreica, che in 40 giorni per soli 700 euro circa, promette dimagrimenti sorprendenti, ingerendo preparati alimentari meglio conosciuti come PAT. Ignoro come proceda il mantenimento, ma per intuito, non mi sembra una cosa economica. E’ vero, il libro non si giudica dalla copertina, ma avete mai visto una foto di Gianluca Mech ?

Dieta del minestrone, dieta dei centrifugati (abbiate pietà di voi!), dieta monoalimento, dieta a zone, dieta dissociata, dieta delle ciliegie (sì c’è anche questa!), dieta a punti (che si vince?), dieta del fantino, cronodieta, dieta di Montignac, dieta macrobiotica, dieta del gruppo sanguigno.. Prendiamo fiato, ossigeniamo il cervello e rendiamoci conto che per depurarsi dalle maratone a tavola di cui siamo stati campioni durante le feste, ci sono pochi consigli da seguire, e per tutto il resto esistono esperti da consultare:

  • Torniamo a considerare il piatto come unità di misura della porzione, non il ruoto.

  • Tanta acqua e tante tisane aiutano anche il senso di sazietà. Scegliete la vostra preferita e depuratevi!

  • Di TUTTO un PO’. Di verdure anche qualcosa in più.

  • Attenzione alle quantità di zucchero e dolcificanti. La formula esatta è “caffè e zucchero”, non viceversa. Se amate il fruttosio, Yale dice che sia controproducente nelle diete.

  • Concedersi un dolcetto ogni tanto non ha mai incellulito nessuno. Abolirli completamente ha comprovati effetti di isteria.

  • Occhio ad alcolici e condimento, altrimenti la staccionata dell’olio Cuore la prendete in pieno.

  • Esiste un luogo mistico dove prima di Natale, gli uomini erano soliti riunirsi e correre come criceti incattiviti su tapis roulant e alzare pesi come circensi; le donne sgallettavano a ritmo pop, su e giù per uno step.

    Quel luogo si chiama PALESTRA ed esiste ancora, giuro.

    Ma un po’ di sano jogging, una passeggiata col cane (e non), o evitare l’ascensore, va comunque bene. Per i pigri più audaci, Decathlon è invaso da una specie di frisbee per stimolare gli addominali, e su tutti gli schermi proiettano il DVD per una versione casalinga del corso “sono ridicola, lo so e mi diverto”, meglio conosciuto come ZUMBA.

Buon 2013 a tutti!

Testo: Antea Raucci

Foto: www.wellnessfarm.it

3 risposte a “Anno Nuovo, parola d’ordine: Dieta.

  1. Da lunedi anche io a dieta e penso comprerò la versione casalinga del corso “sono ridicola, lo so e mi diverto”, meglio conosciuto come ZUMBA.🙂 bel post🙂

  2. Pingback: D(i)ETOX | Ambiente Arredamenti – Magazine·

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...