Pipero al Rex. Non solo carbonara.

Tre imperativi: eleganza, semplicità, bravura.

Queste sono le caratteristiche di Pipero al Rex,  il ristorante dell’hotel Rex in via Torino che in soli 14 mesi  si è guadagnato uno dei riconoscimenti più alti della ristorazione. Riconoscimento che  deve tanto al suo bravissimo chef Luciano Monosilio quanto al suo dinamico maitre Alessandro Pipero.

L’ambiente è  molto sofisticato e la simpatia di Pipero che si fonde con la sua professionalità,  rende l’esperienza sia delicata che vivace.

I clienti vengono coccolati fin da subito: un bicchiere di champagne e tanti piccoli appetizer, tutti rigorosamente da mangiare con le mani, come il lardo di Pata Negra con mosto cotto che si scioglie letteralmente in bocca e il mashmallow di parmigiano che nella sua consistenza ricorda  una nuvola.

Uno dei benvenuti offerti

Quando si parla di questo neo stellato si pensa subito alla carbonara, premiata come la migliore di Roma; ma Luciano Monosilio non è solo carbonara. Anzi.

Come non citare i Ravioli di scarola, burrata, alici e briciole di pane: primo piatto studiato accuratamente nei sapori e nei colori dove le diversità e la forza dei singoli elementi si fondono insieme creando un gusto inconfondibilmente unico.

Proseguendo poi con la presa di maiale, cavolfiore e vaniglia e il piccione e insalata russa si comprende quanto Luciano sia attento e accurato nel rispettare le materie prime e a presentarle al massimo della loro espressione.

Chiudendo poi con Riso latte vaniglia e gelato al frutto della passione si esce da questo ristorante con il rimpianto di non aver ordinato tutti gli altri  piatti e con la voglia di tornare.

Riso latte vaniglia e gelato della passione

La cucina di Monosilio osa senza strafare, è ricercata ma allo stesso tempo semplice, gioca sulle consistenze e sulle temperature ma senza stordire il cliente. Il tutto accompagnato da un servizio impeccabile e sempre vigile che  lascia spazio al cliente di rilassarsi e passare una piacevolissima serata.

Il menu e la carta dei vini sono pensati a regola d’arte: ricchi e variegati propongono alternative per tutti i palati e tutte le tasche. E’ qui che si nota il tocco di Alessandro sempre attento alla diversità dei clienti e dei loro gusti.

E’ qui che si nota soprattutto la passione del miglior maitre 2013 secondo Identità Golose che premia non solo la professionalità ma soprattutto l’amore con la quale Alessandro svolge il suo lavoro.

Luciano e Alessandro, dunque, sono una coppia vincente, uno in cucina l’altro in sala sono un esempio di collaborazione e cooperazione e  Pipero al Rex va assolutamente provato.

Francesca Nappo

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...